Progetto EDURISK

Il progetto EDURISK propone una serie di percorsi, da intraprendere con insegnanti e alunni, attraverso conoscenze e abilità, per arrivare a un obiettivo concreto: la riduzione del rischio.Per difendersi dal rischio bisogna prima conoscerlo. Nessuna azione preventiva individuale o collettiva è altrimenti efficace.La conoscenza riguarda il tipo di rischio che si vuole affrontare, ma anche il contesto naturale, culturale e storico. Un terremoto, un'eruzione o un'alluvione non sono solo eventi geologici, prodotti da cause fisiche e con effetti di ordine materiale. Sono il frutto di lunghe trasformazioni, hanno cause e effetti che si protraggono nel futuro e investono anche l'ambiente umano. Cambiano il paesaggio, modificano le mentalità e i costumi, entrano nelle narrazioni.

EDURISK costruisce strumenti e percorsi di apprendimento per la scuola, valorizzando il sapere in sé, il sapere essere (la consapevolezza del rischio) e il saper fare (la capacità di mettere in atto comportamenti adeguati alle circostanze).

Le classi quarte  della scuola primaria del 2° Circolo Didattico di Ercolano hanno partecipato al Progetto Edurisk secondo il quale “diffondere in modo semplice informazioni scientifiche aggiornate permette di far crescere nei cittadini quella conoscenza approfondita del territorio che è il miglior strumento per avviare strategie di prevenzione e riduzione dei rischi naturali”.
Per tale motivo i docenti e gli alunni, in considerazione del territorio da essi abitato,hanno  incentrato  la loro attenzione sul rischio vulcanico ( Vesuvio ) e in particolare sul  piano di emergenza e sui comportamenti che la popolazione deve adottare in caso di eruzione.
E’ fondamentale per la gestione dell’emergenza sviluppare nei bambini la conoscenza del rischio attraverso la cultura della sicurezza e del rispetto dell’ambiente. I
l link al sito: http://www.formicablu.it/project/edurisk/

In allegato::

  • un  articolo sul progetto di quest'anno e le due schede in pdf  somministrate ai bambini e ai genitori;
  •  il giornale in pdf dell'a.s.2014/15